“Le origini del Design”: Fondazione Fratelli Alinari e Fondazione FILA Museum

Prosegue il progetto realizzato dalla Libera Accademia di Belle Arti di Firenze con il patrocinio di Museimpresa. Iniziamo domani, giovedì 23 marzo, con la dirigente per la formazione della Fondazione Alinari Emanuela Sesti e proseguiamo giovedì 6 aprile con la responsabile e curatrice della Fondazione FILA Annalisa Zanni.

Fondazione per la Storia della Fotografia “Fratelli Alinari” e Fondazione FILA Museum saranno le protagoniste dei prossimi due incontri promossi dalla Libera Accademia di Belle Arti di Firenze nell’ambito della quarta edizione del progetto “Le origini del Design: viaggio nel patrimonio storico delle grandi aziende italiane”. 

Il seminario, che ha il patrocinio di Museimpresa, porta in aula le testimonianze di grandi realtà imprenditoriali del Paese che da anni investono nella conservazione e valorizzazione del loro patrimonio culturale e industriale attraverso focus dedicati a design, comunicazione, fotografia e moda. Coordinatrice dell’iniziativa è la docente Chiara Mani. 

Il primo appuntamento è per domani, Giovedì 23 marzo, con la dirigente per la formazione della Fondazione Fratelli Alinari, Emanuela Sesti, che terrà un intervento dal titolo “Fratelli Alinari: Museo di fotografia e archivio d’impresa. Conservazione, restauro, ricerca e gestione del patrimonio storico-artistico”. Dalle 10 alle 12, nell’Aula Magna dell’Accademia, si ripercorrerà la storia della Fondazione, nata nel settembre del 1998 per tutelare, promuovere e valorizzare il mondo della fotografia a 360 gradi, con un’attenzione particolare rivolta alle arti figurative in genere. Alla Fondazione spetta inoltre il compito di realizzare le attività espositive e gestire i programmi museali, sia scientifici che didattici, del MNAF (Museo Nazionale Alinari della Fotografia) di Firenze e dell’AIM (Alinari Image Museum) di Trieste.

Giovedì 6 aprile, dalle 9.30 alle 11.30, sarà invece la volta della Fondazione FILA Musem, con la responsabile Annalisa Zanni e il suo “Change the game: FILA e i suoi cambiamenti”: un viaggio attraverso la storia centenaria dell’azienda, che nonostante la crescita globale ha saputo preservare il patrimonio culturale italiano che ne ha determinato la nascita. Il Museo FILA permette ai visitatori di conoscere l’atipica evoluzione del marchio sportivo grazie a nove sale in continua trasformazione, con fotografie, filmati, modelli e un prezioso archivio storico in cui sono conservati i campionari e i documenti dell’azienda. Il museo ha inaugurato la nuova sede, nel cuore del centro storico Biellese, nel 2012 e la sua principale attività, oltre alla divulgazione del marchio, è il lavoro condotto con le scuole del territorio, attraverso laboratori e stage pensati per ragazzi di ogni età.

 leoriginideldesignA4secondoOK

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *