La LABA al Museo Bartali con la mostra: “Go”

IMG_5634

Si chiama “Go” la mostra a cura della LABA di Firenze, che sarà inaugurata venerdì 12 maggio, alle 17, all’interno del Museo del Ciclismo “Gino Bartali” di Ponte a Ema.

Una iniziativa – realizzata in collaborazione con l’azienda Lombardo Bikes di Trapani – che si inserisce nel calendario straordinario di appuntamenti per l’undicesima tappa del Giro d’Italia, con partenza il 17 maggio proprio da Ponte a Ema, paese natale del grande campione toscano.

Coordinato dal professore Francesco Armato, il progetto espositivo rende visibili i migliori elaborati ideati dagli studenti della LABA di Firenze nell’ambito del Laboratorio di Design del terzo anno: un percorso, condiviso con il marchio Lombardo Bikes, che ha permesso ai ragazzi di reinterpretare, sia a livello strutturale che grafico, il telaio della mountain bike, la bici da montagna, ristudiandone il design in chiave innovativa e futuristica.

I sei allievi che esporranno, tutti di nazionalità cinese, hanno concluso il triennio formativo alla Libera Accademia: la mostra “Go” rappresenta quindi un’occasione preziosa per valorizzare il loro lavoro in un museo che, attraverso testimonianze visive e oggetti storici, rende omaggio alle imprese di Gino Bartali e di altri importanti nomi del mondo del ciclismo italiano. L’allestimento della LABA di Firenze sarà dedicato in particolare al ciclista Michele Scarponi, scomparso poche settimane fa.

“’Go’ presenta al pubblico i rendering dei nostri ragazzi – spiega il professore Armato -. Si tratta di un esercizio di progetto interessante, che siamo ben felici di condividere con i visitatori del museo. La mostra è stata strutturata in poche settimane: da qui, il titolo “Go”, a indicare la velocità, la spinta, la voglia di partire subito e di raggiungere un traguardo, che è poi la metafora stessa del ciclismo. A livello grafico, la lettera ‘O’ è diventata la ruota di una bicicletta: questo ci ha convinti, a maggior ragione, a scegliere questo nome”.

L’allestimento sarà visibile fino al 21 maggio, negli orari di apertura del museo.

Soddisfazione per l’iniziativa della LABA è stata infine espressa dal presidente del Quartiere 3 di Firenze, Alfredo Esposito“Per festeggiare la partenza dell’undicesima tappa – spiega il presidente Esposito – abbiamo organizzato un cartellone di eventi variegato. Siamo molto grati alla LABA di Firenze per questo suo coinvolgimento diretto all’interno del programma. La Libera Accademia di Belle Arti di Firenze è un punto di riferimento per il territorio nel panorama della formazione e una eccellenza tutta fiorentina: la sua presenza arricchisce le iniziative collaterali al Giro d’Italia, attraverso una mostra bella, che valorizza il museo di Ponte a Ema e che guarda al futuro, aspetto distintivo dell’istituto”. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *