Posted Project: espone l’allievo Gianmarco Tielli

“Posted Project”, lo spazio-vetrina della Laba di Firenze riservato ai giovani allievi artisti, ospita un nuovo progetto espositivo. Da martedì 10 aprile, a martedì 24 aprile 2018, i locali di via Finlandia 10 accoglieranno l’installazione di Gianmarco Tielli, studente iscritto al terzo anno del Corso di Pittura. Titolo dell’intervento site-specific sarà “I prigioni: indipendentemente” e resterà visibile 24 ore su 24.

Il lavoro di Tielli (nato a Pistoia, classe 1996) indaga le dinamiche più intime della pittura, trasformando quest’ultima in un oggetto “sinistro”, in una scultura quasi indefinibile, in cui si fondono le sensibilità diverse delle superfici. L’intervento si ispira, nel titolo e nell’essenza, ai “Prigioni” di Michelangelo Buonarroti: alcuni vecchi tubetti di colore, ormai finiti, diventano luoghi da aprire e liberare, come se il colore fosse qualcosa rimasto nascosto e imprigionato fino ad oggi, mai totalmente afferrabile.

“Un’opera che non si ferma alla memoria dell’accumulo, ma che indaga la storia dell’arte e in modo specifico, la storia della pittura e del fare artistico”,sottolineano i due docenti, Fabio Cresci ed Eugenia Vanni, curatori di Posted Project.

“Per come è situato e per la sua morfologia, Posted Project simboleggia il passaggio tra ciò che è la vita in Accademia e un primo approccio con il pubblico – spiegano i docenti Fabio Cresci ed Eugenia Vanni, curatori del progetto -. La sua compenetrazione con l’aula a livello strutturale rende questo spazio unico nel suo genere: è come un luogo che esiste, sospeso tra una dimensione ancora educativa e protetta e una seconda dimensione, professionale e affacciata sul mondo”.

Il nome stesso – “Posted” – richiama alla mente il termine postare, specifico del mondo del web, proprio a indicare un pensiero immediato, quasi istintivo ma anche profondo e sensibile: l’idea stessa dell’opera appena nata, uscita dal laboratorio e dalla mente del giovane artista.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.