Allievi della LABA in mostra con “Lapislazzuli 2”

Per il secondo anno consecutivo prosegue l’appuntamento con la mostra “Lapislazzuli” che vedrà coinvolti gli studenti del terzo anno del corso di Arti Visive della LABA di Firenze, coordinati dai docenti Fabio Cresci ed Eugenia Vanni. L’inaugurazione è fissata per oggi, venerdì 15 giugno, alle 17.30 nello spazio Artforms di via Genova 17/8, a Prato. Il progetto resterà visibile dal 16 al 20 giugno prossimi.

Più che una mostra, Lapislazzuli è un esercizio collettivo che implica una sfida con lo spazio che lo ospita. L’allestimento vuole essere un modo per coinvolgere non solo le opere prodotte durante l’anno dagli studenti, ma un momento di riflessione sulle proprie scelte, mettendo in gioco le relazioni con il luogo e con gli altri.

Lo spazio espositivo diventa quindi come un set costituito da interventi, alcuni site specific, in dialogo fra di loro, in cui si insinua continuamente la domanda sul perché sentiamo il bisogno di realizzare qualcosa di “altro” rispetto a noi, ma che in realtà siamo noi. Il titolo del progetto deriva dalla grande carica simbolica che il blu di lapislazzulo possiede: è infatti il colore per eccellenza ottenuto dalla lavorazione di questa pietra preziosa che, da grezza, può trasformarsi nel pigmento che da secoli viene utilizzato nell’arte per realizzare opere di grande valore. Qui, diventa metafora del potenziale umano: la pietra è pronta per trasformarsi in un colore, che prenderà vita in molteplici forme.

Esporranno: Stefania Balocco, Francesca Bartoletti, Marlies Baumgartner, Francesca Bernardi, Eleonora Buti, Edoardo Cialfi , Maria Garcia Chaves, Elifcan Kaner, Giulia Davini, Jacopo Francesconi, Geng Shiqi, Veronica Greco, Sara Morelli, Eleonora Pellegrini , Marilena Savino, Shen Ke, Gianmarco Tielli.

Photo Credits Matilde Collinassi

Photo Credits Matilde Collinassi

Photo Credits Matilde Collinassi

Photo Credits Matilde Collinassi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.