Libera accademia di belle arti

Erasmus

Libera accademia di Belle Arti

Erasmus

La LABA di Firenze dispone di una struttura dedicata alle attività di organizzazione e gestione degli allievi che saranno coinvolti nel programma Erasmus. Il personale dell’accademia dedicato al progetto Erasmus è composto da due persone ed entrambe hanno conoscenza della lingua inglese oltre ad altre due lingue straniere. La segreteria didattica dispone di postazioni con tutti gli strumenti digitali utili all’archiviazione, gestione e comunicazione dei dati per all’erogazione del servizio Erasmus.

La LABA dispone inoltre di un ufficio grafico e un ufficio stampa interni che saranno coinvolti nella produzione dei contenuti utili alla divulgazione dei servizi. Sui diploma-supplement saranno riportate le informazioni inerenti ai crediti acquisiti in seguito all’esperienza Erasmus. Il direttore Domenico Cafasso è il responsabile della didattica e delle decisioni inerenti alle attività didattiche dell’accademia. Il presidente dell’assemblea dei soci è Carlo Nigi ed è l’amministratore della società. Silvia Consorti è addetta al processo di gestione dell’amministrazione, si occupa dell fatturazione, dei rapporti con i fornitori e terze parti.

Adriano Toccafondi e Gloria Wan sono i responsabili per il progetto Erasmus delle attività operative inerenti all’accoglienza, alla validazione del percorso didattico e alla verifica della corrispondenza tra i contenuti dei corsi per i quali gli studenti in uscita chiedono la validazione e quelli presenti sul piano di studi per gli studenti in uscita. Sono anche impiegati come segreteria generale. Silvia Nardi Dei è la responsabile della segreteria. Ilaria Spallarossa svolge il ruolo di segreteria generale. Matteo Coppola è referente per l’orientamento in entrata.

Per la mobilità studentesca in uscita per studio e tirocinio viene predisposto un bando di selezione la cui stesura è il risultato della condivisione degli obiettivi tra i rappresentanti degli studenti e la direzione. L’obiettivo è quello di attivare un circolo virtuoso che consenta di mantenere un confronto costante per il raggiungimento di uno standard di qualità e al contempo intraprendere le azioni correttive che si rendano necessarie per migliorarne la qualità . I candidati saranno selezionati sulla base del superamento di tre fasi: controllo di ammissibilità delle candidature e dei requisiti richiesti; valutazione di merito dei candidati riconosciuti come ammissibili; accettazione da parte dell’università di accoglienza. In particolare si tiene conto in linea generale dei seguenti criteri: valutazione di merito e motivazionale, regolarità negli studi e media degli esami sostenuti, programma di studio, conoscenza della lingua inglese o di altra lingua attinente.

La LABA di Firenze ha già intrapreso la progressiva digitalizzazione delle candidature degli studenti al programma Erasmus per studio e alla mobilità internazionale extraeuropea, mediante l’adozione di un applicativo informatico che si inserisce anche nel processo di semplificazione delle procedure. La LABA crede fortemente nell’importanza della semplificazione e della digitalizzazione , pertanto sia a livello di amministrazione centrale che a livello di fruizione della didattica verranno pubblicizzate tutte le iniziative previste dal piano Erasmus Going Digital al fine di promuovere una condivisione delle opportunità e di risolvere le eventuali criticità che possono emergere nel percorso verso una modalità completamente online delle procedure. La LABA offre il servizio di colloqui personali specifici, sia in entrata che in uscita, atti a facilitare l’integrazione nel tessuto sociale della città promuovendo iniziative di integrazione fra studenti Erasmus e cittadinanza locale. Tali colloqui constano di informazioni utili, contatti e consigli per una esperienza appagante, in sicurezza. Attraverso la partecipazione alle diverse azioni del Programma Erasmus+ la LABA si propone inoltre di dotare gli studenti in mobilità di abilità e competenze future per prepararli alla loro carriera, offrendo gli strumenti per diventare dei pensatori critici, creativi e civicamente impegnati. Con la realizzazione dell’esperienza di mobilità essi potranno sviluppare il loro senso di identità europea per diventare cittadini europei con una mentalità inclusiva, pro-attiva e imprenditoriale. L’obiettivo è anche quello di formare gli studenti su come migliorare il proprio benessere e quello della società. Con particolare riguardo alle azioni volte alla cooperazione internazionale, la LABA si propone di sensibilizzare gli studenti a maturare un atteggiamento positivo nei confronti della consapevolezza multiculturale, nonché a promuovere la solidarietà e la comprensione reciproca attraverso lo scambio di idee e una migliore conoscenza delle diverse culture.