Montaggio dei Film: Alternato e Parallelo

Giuntatricecatozzo Fellini_camera Intolerance,_1916,_sequenza_dell'arrivo_di_Belshazzar_e_presentazione_della_guardia_del_corpo_e_della_sua_spada

La narrazione di una storia può essere svolta con differenti tipologie di linguaggio stilistico. Da un punto di vista della tecnica è interessante approfondire l’aspetto del montaggio delle scene. Nello specifico vediamo qui due tipi di montaggio che vengono usati per dare forza al racconto, quello alternato e quello parallelo.

Il montaggio alternato è la disposizione temporale di inquadrature che si alternano. Le diverse inquadrature raccontano di due o più eventi che si svolgono simultaneamente e in luoghi diversi che sono destinati a convergere. Immaginate la scena di un inseguimento tra due auto. La prima avrà un vantaggio di “posizione” sulla scena di qualche metro. I primi piani delle due auto si alternano fino al raggiungimento di un’unico spazio (l’incontro delle scene) in un preciso momento.

Griffith per il film Nascita di una Nazione usa per primo questo metodo.

Birth_of_a_nation,_1915,_raccordo_di_azione

Il montaggio parallelo serve per fare emergere un significato dal confronto di azioni diverse. La contemporaneità qui, non è necessaria e i soggetti proseguono sulla loro strada su delle linee parallele: non si incontrano mai. L’accostamento degli eventi è quindi simbolico. Il contrasto tra il bene e il male. Tra povertà e ricchezza. 

Il film di riferimento qui è di Ejzenstejn (La Corazzata Potemkin, Sciopero). 

Broneno2R
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.