Michele Ghedin Community Manager di Zooppa alla LABA

sfocatasfocatura1IMG_8009

Zooppa_logo

Prosegue il viaggio che porterà gli studenti della LABA alla produzione dei video che parteciperanno al contest di Zooppa in collaborazione con Alfa Romeo.

Il primo incontro del seminario ha avuto come oggetto la panoramica sulla produzione dei video virali. Si è passati oggi, con Michele Ghedin, Community Manager di Zooppa,  alla revisione degli storyboard degli studenti per la produzione dei  video da presentare al contest.

La rete e le piattaforme di condivisone dei video hanno permesso una forma di diffusione spontanea e non controllabile dei contenuti. Il termine virale fa riferimento proprio alla modalità di propagazione contagiosa (parliamo di video con almeno 1 milione di visualizzazioni). A farlo proprio sono le aziende più attente al nuovo modo di fare comunicazione e all’innovazione del messaggio di fondo, che deve essere il più possibile vicino alle persone. A quello che le persone individuano come valore intangibile legato ad un oggetto che deve promettere, nel caso delle auto più che in altri settori, un’esperienza sensoriale piacevole. Lo sforzo di comunicazione che i ragazzi dovranno produrre si identifica nella ricerca di materiale visivo spoglio della pesantezza della promozione.

L’azienda poi avrà un approccio di distribuzione multicanale del video attraverso: blog, facebook, mobile, siti di nicchia e youtube.

Alla base del meccanismo della condivisione può esserci un elemento di unicità visiva o intellettuale, un’ironia o uno storytelling particolarmente efficace. Alfa Romeo lo ha capito, e ha deciso di coinvolgere Zooppa in un contest dedicato al lancio del nuovo modello di Mito.

Ecco una selezione  dei video virali di maggior successo in rete del 2014.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.